Negli allegati, i libri di testo per ciascuna classe.

Allegati:
Scarica questo file (1_PRIME.pdf)1_PRIME.pdf[ ]21 kB
Scarica questo file (quarte.pdf)4_QUARTE[ ]1239 kB
Scarica questo file (QUINTE 22.23.pdf)5_QUINTE[ ]22 kB
Scarica questo file (SECONDE.pdf)2_SECONDE[ ]1234 kB
Scarica questo file (TERZE 22.23.pdf)3_TERZE[ ]19 kB

Nella riunione del 18 giugno 2022, il Collegio dei Docenti del Liceo Barsanti e Matteucci ha approvato all'unanimità il seguente documento:

Il Collegio docenti del liceo scientifico “Barsanti e Matteucci”,  riunitosi in data 18 giugno 2022, sottolinea come la decisione  per il prossimo anno scolastico di eliminare una classe terza  e di ridurre il numero della classi prime da otto a sette, con un conseguente innalzamento numerico degli allievi per classe, vada nella direzione opposta a quella auspicabile. 

Le necessità di  distanziamento già evidenziate negli ultimi due anni scolastici a causa della pandemia da Covid-19 e che potrebbero facilmente ripresentarsi nel prossimo anno scolastico rendono complessa la gestione anche logistica di classi numerose. Ci sembra altresì ovvio ribadire ciò che decenni di studi pedagogici confermano, ovvero che il numero ridotto di alunni per classe rende possibile una didattica più inclusiva, personalizzata, efficace.

L’applicazione dunque di parametri che sottomettono le esigenze didattiche al risparmio economico ci sembra andare nelle direzione opposta  a quel sostegno alla scuola spesso sbandierato dalla politica. 

Per tutto questo il Collegio dei docenti chiede che si possa rivedere la decisione del taglio della due classi prospettato per il prossimo anno scolastico, nella direzione di una valorizzazione in concreto della scuola come luogo di formazione culturale civile, ed educativa. 

 

Viareggio, 18 giugno 2022                    Approvato all’unanimità dal Collegio docenti

 

 

Va in pensione Andrea Menchetti, il preside amato da studenti e  professori. Questa mattina gli alunni del Barsanti e Matteucci hanno organizzato una commovente festa a sorpresa. Nell’ultimo giorno di scuola tutti gli studenti e i docenti del Liceo scientifico si sono ritrovati nel cortile dell’istituto per salutarlo dando vita ad una performance di balli precedentemente preparati con le docenti di Scienze motorie. Sono stati attimi di grande emozione per tutti, ma soprattutto per il preside che non si aspettava una festa così grande.

I ragazzi gli hanno consegnato un quaderno con le loro dediche, pensieri e ringraziamenti e poi hanno preparato anche uno striscione per ringraziare il dirigente, che riportava le seguenti parole: “Le belle persone si distinguono, non si mettono in mostra. Chi può le riconosce e lei è una bellissima persona. Grazie”.

“Il mio punto di riferimento – ha commentato commosso Andrea Menchetti – siete voi ragazzi e se voi mi dite che sono stato bravo sono felice; ma non bravo in senso lato,  semplicemente per averci provato. Sono io che ringrazio voi”.  Andrea Menchetti che lavora nella scuola è dal 1978, prima come insegnante e poi come preside e di generazioni di studenti ne ha cresciute tante e si è  dimostrato un dirigente preparato, competente, comprensivo e soprattutto sempre presente con alunni, famiglie ed insegnanti. Ha saputo mandare avanti il motore della scuola con professionalità, umiltà e tanta gentilezza nei confronti di tutti. Non si è mai tirato indietro di fronte alle difficoltà, soprattutto quelle arrivate con il Covid. Le ha sempre risolte rimboccandosi le maniche. Ma la festa di stamani è stata l’occasione anche per salutare con tanti applausi e ringraziamenti altri cinque pilastri del Barsanti e Matteucci che andranno in pensione: la Dsga (Direttore dei servizi generali e amministrativi) Anna Ramaciotti e le professoresse Carla Sodini, Angela Pistone, Antonella Golgini e Giovanna Tommasi.

 

Sarah Benedettini ha vinto il concorso di fotografia indetto dal Liceo Scientifico Barsanti e Matteucci. La studentessa della classe 4B ha sbaragliato i suoi compagni con un click fotografico dal tema “vintage”. Sul secondo gradino è salita invece Beatrice Picciau della 4D, presentando la sua foto sul tema “contrasti”; Edoardo Saracini della 3 si è classificato al terzo posto grazie ad uno scatto sulla tematica “verde” e “Street photography”. La giuria ammette che «È stato difficile scegliere tra le immagini e decretare i vincitori, in quanto il materiale presentato dagli studenti era tanto e veramente bello». Questo concorso, tanto voluto dal dirigente scolastico Andrea Menchetti, è giunto alla sua settima edizione e negli anni ha visto sempre la presenza di molti partecipanti. Sono state tante le tematiche proposte e le fotografie prodotte dai ragazzi, che poi  regolarmente sono state messe in mostra all’interno della scuola per essere visibili da tutti. La commissione dei giudici era composta dai professori Stefano Carlo Vecoli, Gianmarco Apollonio, Lara Casadio, Carlo Iacomelli e Alberto Magnolfi. Il progetto è stato coordinato dai docenti Arianna Pecchia Ramacciotti e Giandiego Benvenuto.

 

 

Gli studenti della classe 3H nei giorni scorsi si sono recati a Lignano Sabbiadoro nel Bella Italia Efa Village Sport & Family, dove si sono svolti i Giochi nazionali dello Sport Integrato, epilogo del Progetto “Cambia il Tempo”, promosso e gestito dal CSEN - Centro Sportivo Educativo Nazionale, con il contributo del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali - Fondo Riforma del Terzo Settore Annualità 2019, a cui hanno partecipato delegazioni delle venti regioni d’Italia e progetto frutto di un lavoro pluriennale teso alla diffusione della cultura dello sport integrato e all’inserimento sociale delle persone con disabilità attraverso lo sport e la cultura. La Toscana era rappresentata dagli alunni del Liceo Scientifico di Viareggio, accompagnati dai docenti Gianmarco Apollonio e Niccolò Zambuto che tengono a ringraziare il dirigente scolastico Andrea Menchetti per l’attenzione sempre dimostrata nei confronti di questi progetti sull’inclusione. «Sono stati due giorni ricchi di emozioni – commentano gli studenti – all’insegna dello sport, ma soprattutto è stato bello condividere questi momenti insieme ai compagni. Oggi più che mai – sottolineano – è importante tornare alla normalità e alla socialità, sempre nel rispetto degli altri. Abbiamo compreso anche grazie allo sport e a queste due giornate l’aspetto fondamentale che riveste l’inclusione». In effetti, alle delegazioni, accolte dal responsabile dell’Ufficio Progetti CSEN Andrea Bruni e dal responsabile organizzativo dell’evento in Friuli Giuliano Clinori, è stato ricordato il chiaro e concreto obiettivo del progetto, ovvero inaugurare in ogni regione il “Polo dello Sport Integrato”, quale spazio di cultura, di incontro sociale, di formazione e di pratica dello sport integrato, uno spazio da dove il tempo può iniziare a cambiare realmente per tutti.